Cesano di Roma

Ancora Neve a Cesano…

Ancora Neve a Cesano…

Ancora Neve a Cesano…
febbraio 10
23:02 2012

 

 

Questa volta non solo le previsioni meteo hanno funzionato, ma anche gli operatori dell'informazione hanno dato talmente risalto all'arrivo dell'ondata di freddo che nei giorni scorsi vedevo gente che camminava con i Moon Boot anche quando c'era il sole.

Dunque, checché ne dica il sindaco Alemanno, c'erano tutti i tempi tecnici per attrezzarsi. E infatti in tante zone è successo: a Torino ci sono stati 30 centimetri, a Bologna 70/80, a Cesena, a Urbino e nelle Marche la neve ha superato il metro, ma non sento nessuno che si sta strappando i capelli.

Il caos a Roma è successo anche perché la gente si è comportata come se nulla fosse. E invece quando c'è la neve si scivola. Punto. Mi sembra che si voglia rimanere nella normalità anche quando la situazione normale non è…

Se nevica mi metto gli stivali, non i tacchi di spillo. Per carità, io sto nelle Alpi, sono abituato . Ma le istituzioni non possono dire: ‘Domani coprifuoco'. Si poteva fare di più, sicuramente, ma questo attiene anche al singolo, a milioni di singoli. Invece qui si reagisce sempre all'ultimo minuto. Se sei uscito in macchina è ovvio che stai in coda: non dovevi prenderla, la macchina. Invece che piova, che faccia vento, che ci sia il terremoto, dicono: 'Io esco col mio Suv che mi hanno detto che posso fare tutto, tanto io ce la faccio, io speravo che me la cavo'

È troppo comodo rifugiarsi dietro la disorganizzazione italiana. Non è che in Svizzera o a New York quando Madre Natura fa il muso duro le cose vadano benissimo: vi ricordate la neve a Londra e Parigi a dicembre del 2010? Aeroporti chiusi una settimana, gente che bivaccava nei sottoscala.

È ovvio che da noi l'arrivo della neve scopre un Paese al collasso, dove le strutture (dagli ospedali alle ferrovie) lavorano al limite delle loro forze anche in una giornata di sole. Per questo da noi si precipita nel caos un po' più facilmente che in Germania.

E non dimentichiamo il tema dei costi. Se fossero gratis potremmo dire: 'Mettiamo un milione di spalatori al lavoro' . Ma gratis non sono.

Quindi bisogna trovare un compromesso tra far funzionare le cose e tollerare qualche disagio. Non possiamo togliere ogni fiocco di neve che cade a terra. Non possiamo spendere milioni di euro per levare una cosa che presto se ne andrà da sola.

 Quest'articolo sulla neve a Roma è di Luca Mercalli. E' uscito sul Fatto!

Sull'autore

Staff

Staff

Related Articles

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento