Cesano di Roma

Furto di identità

Furto di identità

Furto di identità
gennaio 08
21:05 2019

Tra gli strumenti democratici che abbiamo a disposizione, la petizione è forse uno dei più semplici e immediati. Per sensibilizzare un Ente basta un (meglio se consistente) numero di firme raccolte.

Per esprimere il proprio dissenso al progetto di costruzione di un impianto di compostaggio aerobico, isola ecologica e parcheggio dei mezzi AMA in Via della Stazione di Cesano, nei pressi di Osteria Nuova, sono state raccolte 1.684 firme di residenti.

I comitati di quartiere, quelli per il NO e altri hanno sottoscritto un documento forti del numero di cittadini che hanno compilato i fogli utilizzati per la raccolta delle firme, inserendo il proprio nome e cognome, oltre al tipo e numero della carta di identità, il Municipio di residenza e la propria firma.

Tutta questa documentazione è diventata pubblica, essendo stata caricata dalla Regione Lazio in un apposito link.

Ora però sorge un problema, più acuto nell’era dei social network: potrebbe qualche malintenzionato utilizzare a proprio beneficio criminale tali dati? Pare proprio di sì.

È stato nel 2012 quando una tivù del Belgio ha fatto uno spot per avvertire la popolazione, che spesso incautamente fornisce i propri dati sensibili a fornitori, profili ecc. mettendoli a disposizione di chiunque. Quella reclame ha fatto aprire gli occhi a molti e qualcuno ha scelto di essere più prudente.

Nel caso della raccolta firme il problema sta nel fatto che, chi partecipa, finisce per mettere in mano a chi raccoglie una serie di dati che possono essere utilizzati anche per altri scopi; per esempio: possono completare altre documentazioni per altre richieste, possono essere utilizzati per scopi non espressamente dichiarati, possono servire a cercare di capire la filiazione politica, un po’ come i like nei post altrui. Tutti scopi più o meno innocui in questo mondo che i nostri dati finiscono per essere conosciuti da porci e cani. Ma…

Ma se a metterli a portata di chiunque è la Regione Lazio, be’ la cosa ci lascia alquanto perplessi, non riuscendo a capire che bisogno ci fosse di caricare in chiaro dei documenti che al pubblico non interessano, sarebbe bastato un omissis o un accorgimento che rendesse illeggibili i dati. Invece?

Invece, se uno si vuol divertire a sbirciare tra i 128 fogli del documento, leggere qualche nome e cognome, poi cercare nei social network, per avere in pochi minuti tutti i seguenti dati o parte di essi, si può:
 – nome
 – cognome
 – numero della carta di identità
 – luogo di emissione (presunto dal Municipio di residenza)
 – luogo di nascita
 – data di nascita
 – numero di cellulare
e, con essi, si possono attivare delle truffe, anche aprendo un conto online.

Ecco perché, servire il furto di identità in un piatto d’argento a potenziali truffatori, anche internazionali, è veramente un errore. Gli interessati farebbero bene a correre ai ripari, chiedendo la cancellazione di tali dati, sebbene sono mesi ormai che il documento è scaricabile da chiunque.

red. 08.01.2019

Sull'autore

Redazione

Redazione

Related Articles

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Festa del SS. Crocifisso

festa2015-banner

GAS CESANO DI ROMA

festa2015-banner

Social Community di Cesano di Roma

Pro Loco Cesano di Roma

507ª festa del Ss. Crocifisso

CESANO DI ROMA SOCIAL



Una terra tra Parchi e Laghi

Esposizione didattica al Borgo

Youtube Cesano di Roma